Nuovi Google Pixel 4 e 4XL

Pixel in fila

Nuovi Google Pixel 4 e 4XL

Sono passati 4 anni dal lancio del primo Google Pixel e ieri (15/10) sono stati lanciati, nell’evento dedicato, i nuovi Google Pixel 4 e 4XL. La quarta generazione del dispositivo si presenta diversa dai vari top di gamma presenti nel mercato e si differenzia per una maggiore concentrazione dal lato software piuttosto che da quello hardware come fanno un po’ tutti. Google ha deciso di puntare sulle ottimizzazioni della fotocamera e l’integrazione dell’assistente digitale, costruendo un sistema dove l’hardware è da supporto al software e non il contrario. L’evento è stato arricchito dalla presenza di Marc Levoy, professore di Stanford e scienziato dell’immagine che ha saputo ben esaltare le potenzialità di questo nuovo dispositivo.

Come si presentano

Niente notch, si ritorna alla linea nera con tutti i sensori a bordo sia per il Pixel 4 che per il 4 XL. A parte la fascia superiore occupata dai sensori poi il resto è tutto schermo. È stato abbandonato anche il sensore per le impronte digitali a favore del solo riconoscimento del volto, con la sottile sottolineatura sui dati di riconoscimento che verranno conservati solo sul dispositivo. Nella parte posteriore abbiamo un sistema a doppia fotocamera all’interno di un quadrato che contiene un sensore da 12 Megapixel (principale) e uno da 16 Megapixel di supporto.

I soliti dati



Parliamo di cose serie

Oggi non bisogna valutare uno smartphone da quanto è potente l’hardware ma piuttosto da un insieme di queste qualità abbinate al software montato. Tuttavia su questi nuovi Google Pixel 4 e 4XL il lavoro fatto sul software è decisamente importante e raffinato. A cominciare dallo sblocco con il viso la velocità di esecuzione dell’operazione è al millesimo di secondo. Sembra quasi che il dispositivo sia sempre sbloccato ma ovviamente non è così. La chicca è il Motion Sense che nessun altro smartphone ha. Si può cambiare canzone senza che la mano tocchi il dispositivo, modulare il volume della suoneria e della sveglia, velocizzare lo sblocco e tante altre cose che verranno messe appunto da Google.

Un nuovo assistente Google

È stata rinnovata l’interfaccia grafica dell’assistente Google rendendola più compatta e trasparente. L’azienda di mountain View ha deciso introdurre nuove funzionalità come la possibilità di fare una conversazione continua senza che diciamo ogni volta la parola di attivazione “ok Google”.


La fotocamera dei nuovi Google Pixel 4 e 4XL

Ciò che stupisce è il lavoro fatto sulla fotocamera. La gestione dell’esposizione alla luca è così ottimizzata che una foto senza la giusta illuminazione viene acquisita alla perfezione. Ovviamente si può regolare il valore dell’esposizione come anche quello delle ombre come in tutti gli altri dispositivi ma questo gioiello permette di lavorare sulla curva di tone mapping simulando il risultato in tempo reale. Nuova modalità notte, ritratto e funzione astrografia per fare foto di qualità ad un cielo stellato. E non è tutto, il team di Google sta lavorando per gestire automaticamente scene ad oggi ingestibili, come ad esempio un contro luce all’alba o al tramonto o la luna che illumina un paesaggio. Come Levoy ha detto “Stay Tuned”.

Prezzi e disponibilità

Google Pixel 4 è disponibile presso lo store di Google al prezzo di 759 euro per la versione da 64GB, mentre la versione da 128 GB costa 859 euro con uscita prevista per il 24 ottobre.
Google Pixel 4XL non è ancora disponibile nello store ma si può prenotare al prezzo di 899 euro per la versione da 64GB, mentre la versione da 128 costa 999 euro.


Emanuele Longo

Lascia una risposta